Tastiere da Gaming: le migliori sul mercato

Tastiere da gaming

Una buona tastiera da gaming è essenziale per poter giocare con piacere sul proprio PC. Sceglierne una buona, però, non è una cosa semplice. La nostra scelta, infatti, sarà influenzata da innumerevoli fattori quali la dimensione della periferica, i tipi di gioco per i quali la useremo, la tecnologia dietro la tastiera e così via.

Questa guida vi aiuterà a capire qual è la tastiera da gaming perfetta per voi. Vi spiegheremo quali sono i criteri da usare nella vostra scelta e vi elencheremo le migliori tastiere da gaming sul mercato.

Ray Tomlinson, inventore della e-mail, ha dichiarato che il primo messaggio e-mail della storia conteneva il testo “QWERTYUIOP”, che è la prima riga delle lettere delle tastiere di tipo QWERTY.

Tastiere da gaming: come sceglierne una

Come detto, scegliere una tastiera da gaming non è per niente semplice.

Ci sono una serie di fattori di cui dovremo tener conto mentre effettueremo la nostra scelta:

  • Tipologia di gioco
  • Budget a disposizione
  • Dimensioni della nostra scrivania
  • Presenza o meno della retroilluminazione
  • Qualità dei materiali
  • Feedback tattile e uditivo
  • Software per la gestione di macro e illuminazione
  • Tipo di utilizzo che ne faremo (la useremo solo per giocare o anche per lavorare?)

Per quanto riguarda questa guida, ci affideremo a dei parametri di base molto semplici. Essi sono:

  • Ergonomia: con la tastiera, probabilmente, passeremo molte ore del nostro tempo. Se le sue dimensioni fossero sbagliate rispetto alle nostre abitudini o se, in linea generale, le sue forme fossero inadatte per noi, sarebbe davvero un problema.
  • Qualità dei materiali: le tastiere da gaming vengono sottoposte a sollecitazioni non indifferenti. Dei materiali di scarsa qualità, quindi, non faranno proprio al caso nostro.
  • Affidabilità: la tastiera riesce a garantire performance elevate nel tempo? Di certo non vogliamo comprare una periferica usa e getta.
  • Velocità: se vogliamo giocare in maniera competitiva, gli input inviati dalla tastiera al PC devono giungere nella maniera più rapida possibile.
  • Servizio clienti: a parer nostro, un buon servizio clienti è indice di serietà di un’azienda. Le aziende che hanno un cattivo servizio clienti, solitamente, vendono anche prodotti di pessima qualità.

Di seguito, inoltre, vi illustriamo alcune delle caratteristiche più importanti delle tastiere da gaming presenti sul mercato.

Dimensioni tastiera

Le dimensioni di una tastiera vanno ad influire in maniera determinante sulla sua ergonomia.

Sul mercato esistono tre tipologie principali di tastiere per PC:

  • Compact
  • Tenkeyless
  • Full size

Tastiere da gaming dimensione

Tastiere compact

Le tastiere compact, come si intuisce dal nome, sono le più piccole.

Esse sono prive sia della zona in cui si trovano le frecce direzionali che della zona con il tastierino numerico.

Sono una buona scelta per i titoli FPS, per i quali non abbiamo bisogno di molti tasti e vogliamo più spazio possibile sulla scrivania per il mouse.

Le tastiere compact, solitamente, costano meno degli altri modelli di tastiera.

Il loro punto debole è che, finita la nostra sessione di gioco con un titolo FPS, vanno abbinate ad una tastiera full size da utilizzare per i lavori di tutti i giorni.

Tastiere tenkeyless

Il nome di queste tastiere (“10 tasti in meno”) deriva dal fatto che su di esse è assente il tastierino numerico.

Rispetto alle tastiere compatte esse hanno la zona con le frecce direzionali.

Esse sono un buon compromesso tra le tastiere compact e le tastiere full size se prevediamo di non utilizzare mai il tastierino numerico.

Alcuni titoli, però, richiedono la presenza del tastierino numerico. Si tratta soprattutto di titoli RPG.

Tastiere full size

Esse sono le tastiere più complete di questo trittico dal punto di vista delle funzioni. Su di esse, infatti, ci sono sia la zona con le frecce direzionali che il tastierino numerico.

Il loro principale svantaggio risiede nel fatto che occupano molto spazio sulla scrivania.

Esse sono ideali per giocare a titoli RPG o MMO e per essere utilizzate da chi con il PC ci lavora.

Lo schema QWERTY delle tastiere è stato ereditato dalle macchine da scrivere. Esso, oltre a risultare comodo per gli utilizzatori, pare riuscisse a far durare di più gli organi meccanici delle macchine da scrivere.

Presenza del poggia polsi

Ormai assente nella maggior parte delle tastiere, il poggia polsi è un componente che si trova tra noi e la tastiera.

In linea teorica, la sua funzione è quella di ridurre problemi ai tendini di coloro che utilizzano per molte ore al giorno una tastiera.

Esso, per quanto riguarda il mondo del gaming, risulta un ulteriore ostacolo al movimento del mouse.

A parer nostro, non è un componente essenziale.

Retroilluminazione

Mettendo da parte il fattore estetico, la retroilluminazione su una tastiera è un elemento molto importante per poter giocare di sera.

A meno che non conosciate a memoria i tasti, infatti, può risultare difficile scrivere in chat o giocare con le luci spente.

Tastiere a membrana e tastiere meccaniche

Basandoci sulla tecnologia di registrazione dell’input, possiamo individuare due tipi di tastiera:

  • A membrana
  • Meccanica

Le tastiere a membrana sono la soluzione più economica, ma solitamente meno longeva.

Esse sono più silenziose e, come detto, hanno un prezzo più contenuto. Non riescono a garantire, però, le stesse prestazioni delle tastiere meccaniche.

Le tastiere meccaniche, ormai, sono le più diffuse tra i giocatori.

La loro precisione e velocità nell’invio degli input è impareggiabile. La loro longevità, inoltre, è decisamente maggiore rispetto a quella delle tastiere a membrana.

In base allo switch utilizzato dalla tastiera meccanica, possiamo avere feedback tattili e audio differenti. Addirittura, esistono degli switch silenziosi.

Alcuni switch, come se non bastasse, effettuano una sorta di “salto” quando un comando viene inviato, consentendoci di non arrivare a fine corsa per inviare il comando. Ciò, ovviamente, ci avvantaggia di molto in game.

Ghosting

Il cosiddetto effetto ghosting avviene quando, premendo due tasti, se ne attiva un terzo non premuto.

Nelle tastiere da gaming di qualità, ovviamente, l’effetto ghosting viene evitato tramite appositi accorgimenti.

Key Roll Over

Quando premiamo due tasti (o più) in contemporanea, oltre all’effetto ghosting, si può manifestare un altro fastidioso problema che consiste nel non invio dell’input da parte di nessuno dei tasti.

Il Key Roll Over (KRO) indica la capacità di una tastiera di inviare l’input di più tasti in contemporanea. Un KRO di 4, ad esempio, indica che potremo inviare in contemporanea l’input di 4 tasti.

Le migliori tastiere hanno NKRO e possono inviare in contemporanea infiniti input.

Tasti per macro e media

I tasti per i media sono quelli dedicati alla gestione di contenuti multimediali quali la musica e i video. Essi, sostanzialmente, ci permettono di navigare tra i contenuti multimediali senza dover utilizzare combinazioni di tasti. Non sono estremamente interessanti per un videogiocatore.

I tasti macro, invece, sono decisamente più interessanti per chi gioca.

Su di essi è possibile registrare intere sequenze di tasti (compresi i tasti del mouse), che potremo eseguire con un solo clic sul tasto macro dedicato.

Tali tasti sono molto utilizzati nei titoli MMO, dove vanno eseguite combo di attacchi non facili da eseguire con le classiche sequenze di tasti.

Le tastiere moderne non soffrono più dei problemi di natura meccanica delle macchine da scrivere. Per questo motivo sono state inventate delle disposizioni dei tasti che permettono di scrivere più velocemente. Un esempio è la stastiera Dvorak.

Le migliori tastiere da gaming sul mercato

Ora che vi abbiamo spiegato in maniera rapida quali sono i parametri e le caratteristiche delle tastiere da gaming da tenere in considerazione in fase di acquisto, ecco a voi quelle che reputiamo le migliori tastiere da gaming presenti sul mercato.

Asus Cerberus – Miglior rapporto qualità prezzo per una tastiera a membrana

La Asus Cerberus è una tastiera a membrana di tipo full size (104 tasti). Su di essa vi sono anche 6 tasti utilizzabili per gestire la riproduzione di video e musica.

Tutta la tastiera utilizza come base una placca metallica, che ne aumenta il peso, ma anche la longevità.

Come la maggior parte delle tastiere a membrana, i tasti sono silenziosi e la risposta ai click è decisamente rapida.

La tastiera è retroilluminata (possiamo scegliere tra blu e rosso), ma non abbiamo la possibilità di illuminare sono degli specifici tasti.

Un particolare molto interessante di questa tastiera è che è resistente agli schizzi. Se proprio dovesse rovesciarsi un liquido su di essa, sul fondo della tastiera è presente un foro che permette la fuoriuscita di liquidi indesiderati.

Il polling rate della tastiera è di 1000 Hz.

Essa pesa 1100 grammi ed è grande 49,4 mm x 24,2 mm x 36 mm.

Pro

  • Ottimo rapporto qualità / prezzo
  • Resistenza ai liquidi
  • Retroilluminazione

Contro

  • Nessun software per gestire le macro

Valutazione

La Asus Cerberus si aggiudica un 7,5 su 10 come voto. Non eccelle in nessun campo, ma considerando il prezzo a cui è venduta possiamo chiudere anche più di un occhio su eventuali difetti.

Potete vedere la tastiera in azione in questo video. La Cerberus è in vendita su Amazon.

Razer Cynosa Chroma – La migliore tastiera a membrana sotto i 100 euro

Razer è tra le migliori società produttrici di periferiche per il mondo del gaming.

Con la Cynosa Chroma, Razer conquista un’ottima prima posizione tra le migliori tastiere a membrana sotto i 100 €.

La Cynosa è una tastiera full size (104 tasti) dal peso di appena 950 grammi e dalle dimensioni di 450 mm x 150 mm x 60 mm.

Il nome della tastiera deriva dal fatto che essa gode della retroilluminazione, personalizzabile anche per il singolo tasto.

La tastiera non ha dei pulsanti dedicati alle macro, ma tramite software è possibile creare delle macro ed assegnarle ad uno dei tasti disponibili.

La Cynosa Chroma, come tutte le tastiere a membrana, non offre nessun feedback tattile o uditivo.

La tastiera, che ha un polling rate di 1000 Hz, offre un key roll over di 10. Potremo, quindi, premere 10 pulsanti in contemporanea senza che vi sia un’interruzione dell’input.

Infine, la Cynosa è resistente agli schizzi d’acqua.

Pro

  • Prezzo non elevato
  • KRO di 10
  • Possibile retroilluminare i singoli tasti
  • Resistenza agli schizzi

Contro

  • Il software, raramente, si bugga
  • La punteggiatura italiana è errata

Valutazione

Nonostante sia una tastiera a membrana, la Cynosa Chroma conquista un voto di 8 su 10. La sua retroilluminazione è davvero una chicca a questo prezzo.

Potete vederla in azione in questo video. La tastiera è in vendita su Amazon.

Le tastiere Dvorak sono state utilizzate per battere numerose volte i record mondiali di velocità nella digitazione di testi.

Asus Cerberus MECH RGB – La migliore tastiera meccanica sotto i 100 euro

La tastiera Cerberus di Asus esiste anche in versione meccanica (ad un prezzo leggermente maggiore rispetto alla versione a membrana.

A differenza della versione a membrana, questa tastiera è NKRO. Potremo, quindi, premere in contemporanea tutti i tasti che vogliamo senza che l’input di qualcuno di essi non venga trasmesso al PC.

Il polling rate resta sempre lo stesso della versione a membrana: 1000 Hz.

Ad aumentare è il peso, che sale a 1250 grammi. Le dimensioni sono quelle standard di una tastiera full size da 104 tasti: 448 mm x 150 mm x 35 mm.

Gli switch utilizzati sono i Kailh e il feedback è tattile.

La retroilluminazione è personalizzabile per ogni singolo tasto, ma non può essere sincronizzata tramite il software Aura Sync.

Le macro sono registrabili, ma vanno assegnate ad uno dei tasti della tastiera. Non sono presenti, infatti, tasti dedicati esclusivamente alle macro.

Pro

  • Prezzo davvero basso per una tastiera meccanica
  • Bel design
  • Retroilluminazione di buona qualità

Contro

  • Il software della tastiera è un po’ datato

Valutazione

Visto il prezzo (che ha toccato minimi di 90 €) e le caratteristiche tecniche, la Cerberus Mech conquista un 8,3 su 10. Il software, purtroppo, l’ha penalizzata molto.

Qui trovate un video con la tastiera in funzione. Potete acquistarla su Amazon dal seguente link.

HyperX Alloy FPS Pro – La tenkeyless meccanica più apprezzata dai giocatori

La Alloy FPS Pro di HyperX è tra le tastiere meccaniche tenkeyless (84 tasti)più apprezzate dai videogiocatori.

Essa misura 359 mm x 130 mm x 34,5 mm e pesa 998 grammi.

La tastiera offre un polling rate di 1000 Hz ed è NRKO (nessun problema di input in contemporanea quindi!).

La Alloy FPS Pro, che non è dotata di poggia polso, risulta estremamente compatta. Essa, infatti, è molto apprezzata dai videogiocatori per lo spazio che lascia per muovere il mouse.

Gli switch utilizzati sono i Cherry MX Rossi, molto silenziosi, ma con nessun feedback tattile. I tasti, inoltre, solo estremamente reattivi. Il loro punto di attivazione, infatti, è di appena 2 mm.

Non sono presenti pulsanti per macro e per media.

La tastiera è retroilluminata.

Esiste anche una versione con tastierino numerico, che costa circa 15 euro in più.

Se proprio dobbiamo trovarle un difetto è il layout, che non è italiano, ma statunitense.

Pro

  • Estremamente rapida e precisa
  • Molto compatta
  • Materiali di ottima qualità

Contro

  • Layout non italiano

Valutazione

Con un ottimo 8,7 su 10, la Alloy si posiziona tra le migliori tastiere meccaniche sul mercato. Peccato per il layout non italiano!

Potete vedere la tastiera in azione in questo video. La Alloy è in vendita su Amazon.

I Linkin Park hanno inciso una canzone intitolata “QWERTY”

Corsair K70 Rapidfire MX Speed – La tastiera meccanica più veloce del west

La Corsair K70 Rapidfire MX Speed è una tastiera meccanica full size davvero sorprendente.

La tastiera pesa 1208 grammi, misura 436 mm x 165 mm x 38 mm, ha un poggia polsi removibile ed è costruita su una base in alluminio.

Il suo polling rate è di 1000 Hz e sfrutta la tecnologia NKRO.

La retroilluminazione è monocromatica, ma è possibile illuminare i singoli tasti a nostro piacimento.

Gli switch utilizzati sono la caratteristica più interessante della Rapidfire. Essi sono i cherry MX speed, che hanno un punto di attivazione di appena 1,2 mm. Ciò rende la Rapidfire una delle tastiere meccaniche più veloci sul mercato.

Il software della tastiera ci permette di gestire le macro e l’illuminazione in maniera molto intuitiva.

Pro

  • Qualità dei materiali eccelsa
  • Rapidità e precisione garantite
  • Poggia polsi removibile
  • Switch rapidissimi
  • Dimensioni relativamente contenute

Contro

  • Il prezzo a volte sale molto

Valutazione

Grazie alle prestazioni che garantisce, la Corsair K70 Rapidfire MX Speed conquista un voto di 9 su 10. Sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista software questa tastiera è davvero un’ottima periferica.

Potete vederla in azione in questo video. Essa è acquistabile su Amazon.