Home Recensioni Recensioni varie Samsung Galaxy Watch 3: ECG disponibile in Italia

Samsung Galaxy Watch 3: ECG disponibile in Italia

Grandi novità per il Samsung Galaxy Watch 3, proprio in questi giorni infatti il colosso sudcoreano ha annunciato tramite nota ufficiale che l’ECG sarà finalmente disponibile anche in Europa.

Si tratta dell’ultima novità di Samsung nel campo del monitoraggio dello stato di salute, ovvero una tecnologia che permette di controllare i livelli di glucosio nel sangue e la pressione sanguigna stessa.

Ricordiamo che questo modello, insieme al Watch Active 2, è predisposto per queste nuove funzionalità grazie ai sensori integrati. Il loro uso però è stato fin’ora limitato al mercato orientale, più precisamente a quello della Corea del Sud.

Ma ora Samsung ha finalmente ricevuto la dichiarazione di conformità (e relativa certificazione UE) per l’uso di questi nuovi sensori di tracciamento, gestibili tramite l’app Samsung Health Monitor (fin’ora destinata solo al mercato sud coreano).

Saranno quindi ben 31 i nuovi Paesi da cui sarà possibile utilizzare l’app e le relative funzionalità. L’app sarà disponibile dal 4 febbraio 2021.

Se ti interessano le nuove tecnologie, ti consigliamo di leggere anche: “Lenovo ThinkReality A3: cambiamento epocale in vista”.

Di seguito vi presentiamo il Samsung Galaxy Watch 3.

Il design

Dal quadrante in acciaio inossidabile e dal cinturino in vera pelle premium, il Samsung Galaxy Watch 3 è uno dei più eleganti wearable attualmente disponibili sul mercato.

Disponibile in due versioni, con quadrante da 45 mm o da 41 mm, in entrambi i casi troverete una ghiera rotante molto chic e abbinabile con qualsiasi look.

Questo smartwatch targato Samsung è disponibile nelle seguenti colorazioni:

  • Mystic Black;
  • M. Silver;
  • M. Bronze.

Super-resistente e leggerissimo, è più piccolo e sottile di circa il 15% rispetto ai modelli precedenti. Il suo peso è di appena 48 g per la versione da 41 mm, 53 g per la versione da 45 mm. Le sue dimensioni sono rispettivamente 41 x 42,5 x 11,3 mm; e 45 x 46,2 x 11,1 mm.

In entrambi i casi il display dello smartwatch è protetto da Corning Gorilla Glass.

Caratteristiche tecniche

Assolutamente non male le sue caratteristiche tecniche per essere un wearable. Il Samsung Galaxy Watch 3 è dotato infatti di 1 GB di RAM e storage interno da 8 GB, ovviamente non espandibili.

Bene anche per la connettività, è presente sia WiFi 802.11 che Bluetooh 5.0. Presente tecnologia LTE a seconda del modello.

Il display è in entrambi i casi è un Super-AMOLED, a cambiare saranno le sue dimensioni. Da 1,4 pollici per la versione 45 mm, da 1,2 pollici per quella da 41 mm.

Infine, il sistema operativo si basa su Tizen OS 5.5.

Funzionalità

Ed è qui che viene il bello, questo Samsung Galaxy Watch 3 è praticamente il tuo assistente personale in fatto di salute e benessere. Altamente preciso, può tranquillamente sostituire i misuratori classici (come confermato dal rilascio delle certificazioni UE).

Prima di continuare però, ci teniamo a precisare che il device dovrà essere calibrato. Questo accadrà al primo utilizzo, dopodichè è consigliato effettuarla una volta ogni quattro settimane.

Possibile monitorare la pressione sanguigna ed i livelli di ossigeno presenti nel sangue (quest’ultima è una nuova funzionalità che non tutti gli smartwatch offrono). Estremamente facile sarà anche misurare il ritmo cardiaco, basterà tenere pigiato l’apposito pulsante laterale per 30 secondi.

Interessante anche il sensore di rilevamento cadute (basato sull’accelerometro) in grado di inviare un immediato SOS al tuo contatto di emergenza. Possibile monitorare anche la qualità del sonno ed ottenere dati e statistiche sui tuoi cicli REM (ovvero una fase del sonno).

Ah, ovviamente permette anche di ricevere chiamate, visualizzare notifiche e tutto ciò che può essere ricollegato al tuo smartphone (che puoi associare al tuo smartwatch).

Il competitor

Dopo aver ricevuto la certificazione UE per le misurazioni ECG, il Galaxy Watch 3 è diventato ancor più completo e funzionale.

E’ sicuramente uno dei migliori smartwatch in circolazione, e trovare il giusto competitor non è affatto una passeggiata. Avremmo potuto confrontarlo con l’Apple Watch, ma a nostro avviso il colosso di Cupertino è sempre un passo avanti e anche per il segmento wearable fa categoria a parte.

Il Huawei Watch Fit invece sembra no raggiungere le prestazioni di questo smartwatch. Ed è così che abbiamo scelto l’Oppo Watch, il primo wereable prodotto dall’azienda di Dongguann.

Crediamo che il successo avuto con gli smartphone possa replicarsi anche in questo settore, anche se ovviamente c’è ancora molto da migliorare.

Ma partiamo dal design dell’Oppo Watch che, inutile girarci intorno, è simile ad un Galaxy Watch 2. Col quadrante in ceramica e cinturino in gomma di altissima qualità, questo smartwatch è comodo da indossare, e soprattutto semplice da usare.

Le versioni sono due, una con quadrante da 41 mm, l’altra da 46 mm.

Il display è un gran bel AMOLED da 1,91”, con risoluzione da 402 x 476 pixel. La batteria invece ha una durata media di 1 giorno, se utilizzato intensamente.

Possibile monitorare la frequenza cardiaca, controllare la qualità del sonno e ricevere report giornalieri sulla vostra attività fisica.

Molto interessanti i report che risultano davvero fatti bene, con statistiche e grafici altamente precisi. Possibile impostare lo smartwatch su camminata, corsa, ciclismo, nuoto. Segnaliamo anche la presenza di una sezione interamente dedicata agli esercizi di respirazione.

Purtroppo non è presente il monitoraggio dei livelli di ossigeno nel sangue, ma crediamo che Oppo possa integrare i relativi sensori già ai prossimi modelli in uscita.

Il sistema operativo è Wear OS, che non sarà ai livelli di WatchOS (in uso sugli indossabili Apple) ma comunque molto intuitivo, graficamente bello e abbastanza personalizzabile.